Vellutata di cavolo nero

di laura86 Commenta


Durante la stagione invernale sono tantissime le verdure che abbiamo a disposizione e che possiamo usare in cucina, molte però vengono completamente dimenticate e non utilizzate. Una di queste è il cavolo nero il quale viene utilizzato soprattutto nella regione toscana per preparare la Vellutata di cavolo nero. Questo piatto viene preparato con patate e porro e non richiede lunghi tempi di cottura.
Altre vellutate molto gustose sono quella al marsala e la vellutata di patate e porri.

INGREDIENTI
500 gr di cavolo nero pulito
400 gr di patate
2 porri
1,2 litri di brodo vegetale
Olio di oliva extravergine q.b.
Sale q.b.
Pepe q.b.
50 gr di pane
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

PREPARAZIONE
Pulire i porri, affettarli e soffriggerli in una padella con olio extravergine d’oliva per circa 5 minuti. Aggiungere le patate precedentemente tagliati a cubetti e cuocere il tutto a fuoco dolce per circa 10 minuti mescolando di tanto in tanto in maniera tale da non farle attaccare al fondo. Condire con sale e pepe.
Pulire il cavolo nero e tagliare le foglie. Metterlo nella padella insieme alle verdure cotte precedentemente e versare un mestolo il brodo vegetale, un mestolo alla volta, stando attenti a non superare il livello del cavolo. Cuocere il tutto per circa 25 minuti.
Durante la cottura della zuppa preparare i crostini cuocendo in forno, per circa 6 minuti alla temperatura di 200°C in modalità grill, le fette di pane poste sulla carta forno e bagnate con un filo di olio extravergine d’oliva.
Una volta che la cottura della zuppa sarà ultimata, utilizzando un frullatore ad immersione, frullare il cavolo in maniera tale da renderlo una crema e passarlo con un colino a maglie strette.
Scaldare la vellutata per qualche minuto, aggiungere i crostini e servirla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>