Pasta Amatriciana

di robot_dika 3

Il tipo di pasta usata è in genere il bucatino anche se alle volte si possono usare i classici spaghetti a filo grosso..

bucatini_amatriciana

Tra le ricette più classiche della cucina italiana troviamo i bucatini all’amatriciana oltre che gli spaghetti alla carbonara.

I bucatini all’amatriciana sono un piatto tipico italiano appartenente alla cultura romana. La preparazione della pasta all’amatriciana è molto semplice e richiede una tempistica che va dai 15 ai 20 minuti compresa la cottura della pasta.

Il tipo di pasta usata è in genere il bucatino anche se alle volte si possono usare i classici spaghetti a filo grosso. Andiamo a vedere gli ingredienti dell’amatriciana.

per 4 persone:

  • 450 grammi di bucatini formato 8-9;
  • 4 pomodori maturi o un barattolo di pelati;
  • peperoncino piccante quanto basta;
  • 140 grammi di guanciale;
  • mezza cipolla;
  • olio extravergine di oliva;
  • formaggio pecorino grattuggiato;


In una padella versiamo l’olio di oliva (in alternativa usare una noce di burro), aggiungiamo la cipolla e il guanciale di maiale tagliato a cubetti (in alternativa si può usare la pancetta) e facciamo soffriggere per qualche minuto a fuoco lento.

Appena la cipolla sarà  dorata aggiungiamo il pomodoro e mescoliamo il tutto e facciamo cuocere per 10 minuti circa aggiungento il peperoncino a piacere.

Nel frattempo facciamo bollire l’acqua e versiamoci all’interno i bucatini e nonappena questi avranno raggiunto la cottura scolarli e versarli nel sugo. Mescolare il tutto dando una bella spolverata di formaggio pecorino. Buon appetito.

Commenti (3)

  1. Caro chef sono Elisa e vengo dalla bella Toscana e comunque lo prenderò come un consiglio utile per preparare la pasta all’amatriciana…. che bontà, per un sapore originale il pecorino alla Siciliana stagionato da lasciare gli ospiti a bocca aperta.
    Quando verranno i miei amici resteranno senza parole. Grazie signor chef!!!. Elisa.

  2. Salve a tutti…sono di Amatrice e ci abito tutt’ora quindi se permettete vi spiego bene. Se ne sentono di cavolate su questi commenti intanto è giusto precisare che l’AMATRICIANA è un tipico piatto delle nostre zone,che la versione precedente è la Gricia (da griciano fraz.di Accumoli senza pomodoro)e che è nata come un piatto misero ma di gran gusto e corposità ,proprio perchè serviva a sfamare i pastori dopo tanto lavoro.
    Facendo anche parte del comitato che organizza la sagra degli spaghetti all’amatriciana e quindi cucinandola personalmente (insieme a tanti altri collaboratori del posto)per questa manifestazione,ecco la vera ricetta dell’amatriciana.
    Si prende il guanciale(possibilmente amatriciano) si pulisce e si taglia a listelle,si mette a soffriggere con un po d’olio e peperoncino(che ci va e ve lo assicuro), quando ha ottenuto un colore bello dorato(in dialetto amatriciano chiamato effetto sfrizzolo)va sfumato con del vino bianco e lasciato ritirare.Successivamente si leva il guanciale dalla padella e si mette da parte(per motivi di tempo per la sagra non viene fatto ma comunque non è una procedura errata)e nella stessa padella si inizia a fare la salsa di pomodoro(pelati);si mette il pomodoro con un pizzico di sale,e il pepe nero macinato si fa ritirare anch’esso ed infine viene riagiunto il guanciale soffritto si fa cuocere per altri 2 minuti ed il sugo è pronto.Per la pasta la vera ricetta usa gli spaghetti ma sono usati tranquillamente i bucatini,le penne,le mezze maniche ed altri tipi di pasta(non tutti ovviamente) comunque si fa cuocere la pasta,una volta cotta si mette in una teglia con del sugo si mescola bene con del pecorino(amatriciano o romano)si impiatta e si mette un alro po di pecorino sopra….ecco qua L’AMATRICIANA e basta dire ci vuole cipolla,aglio,pancetta,ecc….è così!!
    Un saluto e venite tutti ad Amatrice per la sagra che da ben 5 anni è anche aperta ai celiaci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>