Ricetta frizzue

di admin Commenta

Il cibo dei calabresi è caratterizzato per l`essere un cibo genuino e semplice, ma dal sapore intenso..

frizzue.JPGAvere una nonna calabrese può sicuramente dare dei vantaggi, come quello di acquisire una buona conoscenza sull`ottima cucina di questa regione. Il cibo dei calabresi è caratterizzato per l`essere un cibo genuino e semplice, ma dal sapore intenso.

Questa cucina è il frutto dell`incontro delle tante tradizioni dei popoli che hanno abitato questa terra, come i greci e gli arabi; ma anche il frutto delle particolari condizioni climatiche che influenzano questo territorio. La Calabria è una regione piuttosto arida dove molta importanza rivestono i cibi conservati e la coltivazione degli ulivi e delle viti.

Il peperoncino, altro alimento caratteristico del luogo, risale all`epoca della scoperta dell`America, da cui è stato importato tantissimi anni fa. I frizzue sono dei fusilli particolari, conditi con sugo di baccalà  e mollica di pane, che si consumano soprattutto durante i giorni di festa, in particolar modo a Natale. Gli ingredienti per preparare questa pasta fresca, per sei persone, sono: ½ kg di semola, ½ kg di farina e acqua tiepida quanto basta. Gli ingredienti vanno lavorati con costanza fino a formare un composto morbido dai cui ricaveremo i nostri fusilli.

La particolarità  del nome di questo piatto deriva proprio dal termine calabrese usato per indicare l`utensile adoperato per la lavorazione della pasta, chiamato appunto frizzu; in realtà  si tratta semplicemente di un`asticella di ferro intorno alla quale si avvolge l`impasto per dargli la forma caratteristica del fusillo. Terminata la lavorazione della pasta possiamo procedere alla preparazione del sugo. Innanzitutto dobbiamo procurarci del pane raffermo che grattugeremo e friggeremo in olio caldo con un po` di sale e un po` di peperone rosso dolce calabrese.

Pronta la mollica fritta la mettiamo da parte e cominciamo a preparare il sugo. In un pentolino lasciamo rosolare una cipolla in un po` d`olio, poi aggiungiamo del pomodoro fresco e aspettiamo che il sugo inizi a bollire; a questo punto possiamo immergervi il baccalà  spugnato e lasciarlo cuocere. Una volta pronto il nostro sugo, cuociamo la pasta in abbondante acqua salata, la scoliamo e la condiamo con la salsa e la mollica di pane fritta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>