Okonomiyaki giapponese

di Chiara Cimini 2

L'okonomiyaki è un piatto tipico della tradizione giapponese, a metà  tra la pizza e la frittata. Il suo nome..

L’okonomiyaki è un piatto tipico della tradizione giapponese, a metà  tra la pizza e la frittata. Il suo nome tradotto in italiano significa, più o meno, “cucina quello che vuoi” o “cucina quello che ti piace”, proprio perché si tratta di un impasto che può essere condito con gli ingredienti che più si amano.

L’okonomiyaki viene cotto su una piastra particolare, il Teppan, usato in Giappone per cucinare il cibo direttamente sotto l’occhio vigile del cliente. Chiunque abbia visto almeno una volta l’anime cult degli anni ’80 “Kiss me Licia”, ha già  avuto modo di familiarizzare con questo piatto, visto che il padre della protagonista gestiva proprio un ristorante specializzato nella realizzazione di okonomiyaki.

Questa sorta di frittella si basa su un impasto fatto di acqua, farina, uova e foglie di cavolo; per condirlo spesso si usa una salsa apposita, detta appunto salsa okonomiyaki, ma l’okonomiyaki è ottimo anche se cosparso di più comune maionese. Ma dedichiamoci ora alla nostra ricetta.

  • qualche foglia di cavolo verza
  • 350 gr di farina
  • 2 uova
  • acqua q.b.
  • 200 gr di pancetta a fette

Esistono varie versioni dell’okonomiyaki: col pesce, con la carne, con le verdure; oggi vi consigliamo quello con la pancetta. Innanzitutto lavate le foglie di cavolo e riducetele in striscioline sottili. In una ciotola mescolate insieme: la farina, le uova e l’acqua, ma fate attenzione, il composto non dovrà  essere né troppo liquido né troppo denso. Se desiderate un okonomiyaki più soffice potete aggiungere all’impasto un po’ di latte tiepido.


In seguito, unite al composto il cavolo a listarelle e la pancetta a fette, amalgamando il tutto con cura. Ungete una padella antiaderente con un po’ d’olio e ponetela sul fuoco. Versate una parte dell’impasto e lasciatela rassodare.

Rigirate l’okonomiyaki e lasciatelo cuocere anche dall’altro lato. Quando sarà  ben dorato toglietelo dal fuoco, ponetelo in un piatto e conditelo con maionese a piacimento. Servite ben caldo, e se volete, sostituite la maionese con la salsa di soia.

Commenti (2)

  1. Dall’ aspetto non sembra male , qualcuno lo ha assaggiato di persona? Forse a Settembre andrò in Giappone magari so già  cosa provare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>