Impepata di cozze

di Chiara Cimini Commenta

La cozza o il mitilo è un mollusco dotato di due valve, le quali, all'esterno si presentano di colore nero..

Oggi ho deciso di presentarvi un piatto ottimo sia come antipasto sia come secondo, si tratta dell’impepata di cozze. “A ‘mpepat ‘e cozz”, com’è definita a Napoli, è un prodotto tipico della cucina campana.

La cozza o il mitilo è un mollusco dotato di due valve, le quali, all’esterno si presentano di colore nero, mentre all’interno, possiedono un colore madreperlato. La cozza, attraverso l’utilizzo di un particolare filamento, si attacca agli scogli o comunque a dei sostegni solidi, ed è su questi supporti che trascorre la sua vita.

Per preparare il nostro piatto, è importante sapere anche come riuscire a pulire adeguatamente le cozze; di sicuro non è così difficile come può sembrare.


Innanzitutto bisogna scegliere solo le cozze chiuse e integre, eliminando quelle rotte o aperte, poi va tirato via il bisso, ovvero quel filamento che fuoriesce dalla congiuntura delle valve e infine, i molluschi vanno sciacquati accuratamente con dell’acqua fresca, raschiando il guscio esterno con una spugnetta rigida; bene, a questo punto le cozze sono pronte e possiamo dedicarci alla nostra preparazione.

  • 1kg e ½ di cozze
  • 2 spicchi d’aglio
  • pepe nero
  • olio extra vergine d’oliva
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • prezzemolo


Lasciate soffriggere l’aglio in una padella con un po’ d’olio. Quando l’aglio è ben dorato ponete nella padella le cozze e coprite il tutto. Fate cuocere i molluschi a fuoco vivo e di tanto in tanto scuotete la padella. Aggiungete il vino bianco e aspettate che evapori. In genere, le cozze non impiegano molto tempo ad aprirsi, a quel punto, saranno pronte e potrete spolverizzate con abbondante pepe nero e prezzemolo. Servite l’impepata guarnita con fette di limone e accompagnata da fette di pane tostato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>