Filetti di San Pietro alle erbe

di Vito Verna Commenta

Ecco come cucinare i filetti di San Pietro con panatura alle erbe aromatiche.

Filetti di San Pietro alle erbe

Uno tra i pesci più buoni in assoluto che, anche in Italia, sarebbe tranquillamente possibile pescare e gustare, sarebbe il celeberrimo San Pietro che, grazie alla nostra speciale preparazione, durante la quale verrà letteralmente coperto da una croccante panatura a base delle migliori erbe aromatiche nostrane, acquisirà un sapore ancora più gradevole e particolare.

IL PESCE

Rombo al cartoccio

Trenette al pesce spada

Carpaccio di branzino ai lamponi

INGREDIENTI

– 8 filetti di San Pietro

– 50 grammi di burro

– un limone

– 2 uova

– 2 cucchiai di vino bianco secco

– un cucchiaino di dragoncello

– un cucchiaino di timo

– un rametto di rosmarino

– un mazzetto di prezzemolo

– un cucchiai di foglie di basilico

– 4 bacche di ginepro

– 2 cucchiai di pan grattato

– uno spicchio d’aglio

– olio di arachidi

– sale

– pepe

– Pestate erbe aromatiche, spezie, odori e pan grattato in un mortaio sino ad ottenere un composto omogeneo ed uniforme

– Sbatti accuratamente le uova e, non appena ne avrai ottenuto un’adeguata pastella, utilizzala per intingervi, e dunque, ammorbidire, tutti i filetti di San Pietro

– Impana, dunque, ciascun filetto di San Pietro così ammollato con il trito di erbe e pan grattato e con la farina tipo “00”

– Versa abbondante olio di arachidi in una capiente padella antiaderente dai bordi alti e lascia che raggiunga la temperatura di ebollizione ed utilizzalo per friggere, molto velocemente, ciascun filetto di San Pietro che, una volta pronto, scolerai ed adagerai su abbondante carta da cucina assorbente

– In una differente padella versa il burro e, non appena si sarà sciolto a fuoco lentissimo, aggiungici il succo di limone, il vino ed il trito di erbe e pan grattato che dovesse essere eventualmente avanzato

– Mescola accuratamente il tutto e, non appena codesta salsa si sarà ben rappresa, versala sui filetti di San Pietro alle erbe che porterai in tavola ancora ben caldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>