Filetti di orata alle mandorle

di Vito Verna Commenta

Ecco come cucinare il pesce, ed in particolare l'orata, con un gustoso sugo a base di mandorle tostate.

Filetti di orata alle mandorle

Il piatto di oggi, particolare ma sicuramente molto apprezzabile, prevede l’insolito accostamento di mandorle intere, mandorle tritate e tostate ed orata, oltre ad alcuni altri veramente gradevoli ingredienti quali, per esempio, l’aneto, che starebbe diventando sempre più comune sulle tavole di moltissimi italiani.

IL PESCE

► Rombo al cartoccio

► Trenette al pesce spada

Carpaccio di branzino ai lamponi

INGREDIENTI

– 2 orate da 500 g. cad.

– 1 scalogno

– mezzo bicchiere di vino bianco secco

– un cucchiaino di aneto

– 2 cucchiai di mandorle intere

– 1 cucchiaio di mandorle in lamelle

– olio

– sale

– pepe

– Pulisci e sfiletta accuratamente le orate così che, da entrambe, si riescano a ricavarne 4 filetti

– Versa le mandorle in lamelle in una padella e, a fuoco bassissimo, lasciale delicatamente tostare

– Versala a questo punto nel mixer, insieme all’aneto ed allo scalogno, e trita il tutto alla massima velocità

– Trasferisci il trito in un padella antiaderente, insieme ad un filo d’olio extravergine di oliva, e, dopo averlo lasciato adeguatamente dorare, sfumalo con il vino bianco, bagnalo con un bicchiere di acqua bollente e cuoci il tutto per circa 5 minuti a fiamma moderata

– Unisci a questo punto i filetti e le mandorle intere e, dopo aver cotto ogni filetto per circa 2 minuti per lato, trasferisci il tutto su piatto da portata e, dopo averlo lasciato adeguatamente ridurre, versa il sugo di cottura sul pesce e servilo in tavola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>