Come scegliere il vino giusto per te

di isayblog4 Commenta

Che sia una festa di compleanno o una cena romantica a lume di candela, scegliere con cura un buon vino, uno dei simboli del made in Italy, è fondamentale per trasformare la serata in un momento conviviale pieno di brio ed allegria.

Non scegliere un vino solo perché ti piace o è all’ultimo grido. Che tu sia un appassionato o un fruitore occasionale, ecco qualche utile consiglio per scegliere un buon vino.

Come scegliere il vino in base alla compagnia

Non sono luoghi comuni. Le donne, in genere, prediligono i vini bianchi freschi ed aromatici, floreali, con un residuo zuccherino importante. L’universo femminile ama le bollicine. Gli uomini, invece, in linea di massima preferiscono i vini rossi e speziati.

Abbinamenti

Il vino esalta il piatto e viceversa. Il vino bianco si abbina a sapori delicati come il pesce e le carni bianche, mentre il rosso a quelli più intensi, come i formaggi stagionati, le carni saporite condite con salse robuste e le pietanze più elaborate. I pesci con carni corpose, come, ad esempio, il tonno o il caciucco alla livornese, si sposano bene anche con un vino rosso. Più complessa è la cottura, più maturo deve essere il vino.

Il vino rosé si abbina a carni leggere, cucina marinara, dessert e piatti a base di salumi. I cibi piccanti si sposano bene con vini morbidi, mentre alle pietanze piuttosto pesanti si consiglia di abbinare vini rossi frizzanti, da servire freschi, come i vini bianchi.

Per orientarti nella scelta del vino, puoi consultare gratuitamente un Wine Specialist su Signorvino.com. Compilando un breve questionario ti verranno indicati tre vini adatti ai tuoi gusti ed all’occasione, che potrai acquistare a prezzi scontati nei Wine Store di SignorVino.

L’aspetto

Prima di assaggiare il vino, valuta il suo aspetto attraverso la parete del bicchiere, facendolo roteare con delicatezza. Il colore dipende principalmente dai vitigni impiegati, dall’età del vino e dal processo di vinificazione. In linea di massima, i vini rossi giovani hanno un colore acceso e brillante, come il rosso rubino o porpora, mentre i vini invecchiati hanno una tonalità tendente al bruno.

La tonalità dei vini bianchi spazia dal giallo paglierino all’ambrato. In genere, i bianchi dolci hanno sfumature leggermente più scure di quelli secchi. Quanto alla consistenza, generalmente più consistente è un vino, più alta è la sua gradazione.

La giusta quantità

Secondo le linee guida redatte dal Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione, per non cadere nell’eccesso un uomo non dovrebbe bere più di 2-3 bicchieri di vino al giorno, una donna non più di 1-2, mentre gli anziani non più di uno.

Come servire il vino

Per apprezzare davvero un vino è indispensabile conoscere la temperatura ideale per il suo consumo e servirlo in modo adeguato. Champagne, vini dolci e spumanti secchi e dolci dovrebbero essere serviti ad una temperatura di 6-8º C, mentre  i bianchi secchi giovani a 8º C ed i bianchi secchi maturi e strutturati e semisecchi a 10-12° C.

La temperatura ideale per servire i rosati secchi è di 10-12° C e di 12-13° C per rosati semisecchi, passiti e vin santi. I vini rossi poco tannici e novelli dovrebbero essere serviti a 13-14º C, mentre i vini liquorosi ed i rossi tannici, di gran corpo e invecchiati, a 17-18° C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>