Degustazione del vino – parte prima

di Gabriele 2

Più sono ravvicinati più alta sarà  la gradazione. L`esame dell`effervescenza è rivolta ai vini frizzanti e agli spumanti, si verifica..

vino bianco

La degustazione è una analisi sensoriale che coinvolge vista, olfatto, gusto e in parte tatto per potere interpretare, catalogare e ovviamente apprezzare le caratteristiche del vino che ci viene proposto.

Importante è conoscere la terminologia adeguata con cui esprimere le sensazioni che proviamo, ogni aggettivo che useremo sarà  un “descrittore” che identifica una caratteristica ben definita.



Lo strumento essenziale per iniziare la degustazione è il bicchiere; il calice da degustazione deve essere di vetro molto sottile, preferibilmente in cristallo, di medie dimensioni e con il diametro che si restringe in prossimità  del bordo superiore per concentrare e trattenere i bouquet che promanano dal vino. Fondamentale impugnare il calice pinzandolo alla base.

Il primo esame a cui sottoponiamo il vino è quello visivo. Le prime qualità  che andremo ad analizzare saranno, la limpidezza, la trasparenza, la fluidità , l`effervescenza e il colore. Per limpidezza si intende l`assenza di particelle e residui in sospensione. Per trasparenza si intende la quantità  di luce che riesce ad attraversare il vino; l`esame della trasparenza è indicativo della tipologia di uva utilizzata, del tipo di vinificazione, del tempo di macerazione delle bucce con il mosto.

I vini bianchi, se sani saranno sempre trasparenti, nei rossi la trasparenza è un indice per valutarne la struttura. La fluidità  si apprezza facendo bagnare le pareti interne del bicchiere roteandolo. Dopo qualche secondo si noteranno delle “lacrime” incolore, chiamate archetti, scendere dalle pareti; la forma e il numero degli archetti sono indicativi del grado alcolico del vino.

Più sono ravvicinati più alta sarà  la gradazione. L`esame dell`effervescenza è rivolta ai vini frizzanti e agli spumanti, si verifica la persistenza e la qualità  del “perlage”, il filo di bollicine che dal fondo risale verso la superficie. Bollicine di piccole dimensioni e con un perlage persistente indicano uno spumante di alta qualità .

L`analisi del colore del vino non viene effettuata per ultima, ma necessità  di essere trattata separatamente per la sua importanza.

Gabriele

Commenti (2)

  1. Interessante iniziativa quella di una guida alla degustazione del vino di facile comprensione ed anche divertente!
    Complimenti all’autore!!

    Laura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>