Speciale Natale, la Spongata

di Gabriele 1

La Spongata è una deliziosa torta di fragrante pasta sfoglia, farcita all`interno con un ripieno dal colore ambrato..

La Spongata, detta anche spungata, è un dolce tipico dell`Emilia Romagna. Esso è considerato un dolce tipicamente natalizio, ed è esclusivo di questa regione, ed in particolare delle zone di Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Modena. La Spongata è una deliziosa torta di fragrante pasta sfoglia, farcita all`interno con un ripieno dal colore ambrato ed invitate, fatto di frutta secca e miele, fra gli altri ingredienti, ed il cui sapore avvolgente e ricco sa deliziosamente di spezie. La Spongata, una prelibatezza tra le ricette di Natale, pare abbia origini assai antiche; secondo alcuni gli inventori furono gli ebrei.

Quel che è certo è che è storicamente documentata la sua esistenza già  nel XV secolo, quando fu donata al duca Francesco Sforza di Milano dal Referendario Generale di Parma, per ingraziarsi la sua benevolenza e la sua simpatia.
Il nome Spongata, sembra derivi da “spongia”, ovvero spugna , in quanto la parte esterna della torta si presenta piuttosto irregolare e bucherellata, proprio come le spugne.
Rinomate sono le Spongate artigianali prodotte a Busseto, Pontremoli, Sarzana e Brescello.

Ingredienti:

gr. 300 di farina
gr. 100 di burro
gr. 100 di zucchero
gr. 200 di miele liquido
gr. 50 di mandorle pelate
gr. 50 di noci sgusciate
gr. 50 di nocciole
gr. 50 di pinoli
gr. 50 di uvetta
un po` di cannella
un po` di noce moscata
biscotti secchi sbriciolati
un po` di vino bianco
poco sale

Preparazione:

La farcitura va preparata un giorno prima, così da insaporirsi bene. Sbriciolare accuratamente le noci, le mandorle, i pinoli e le nocciole. Versare il miele in un pentolino, e porlo su fuoco basso a fluidificarsi. A questo punto versare il vino nel pentolino con il miele e portare ad ebollizione. Unire poi la frutta secca precedentemente tritata e l`uvetta, che avrete ammorbidito in acqua tiepida. Mantenendo sempre il fuoco basso, aggiungere i biscotti secchi triturati ed amalgamare il tutto. Spolverate il tutto con la noce moscata e la cannella. Ottenuto un composto omogeneo, togliere dal fuoco, lasciare raffreddare. Versare poi questo composto in una terrina e lasciare riposare al fresco per un giorno.
Il giorno successivo, preparare la pasta. Porre sul piano di lavoro la farina a fontana, aggiungere al centro il burro morbido, lo zucchero ed iniziare ad impastare. Unire poi un pizzico di sale e del vino bianco. Continuare ad impastare fino ad ottenere un composto compatto ed omogeneo. Porre quindi a riposare circa 30 minuti al fresco.


Dividere la pasta in due parti, una più consistente dell`altra. Disporre la parte di impasto più grande sul fondo di una teglia, precedentemente imburrata e cosparsa di farina, e stenderlo fino ai bordi. Versare il ripieno, preparato il giorno prima, e foderate con la parte più piccola dell`impasto, che avrete steso a parte. Unire i bordi, bucare con l`ausilio di uno stuzzicadenti la parte superiore della torta e, spennellarla con poco d`olio. Porre la torta in forno preriscaldato e fare cuocere per 30 minuti. Una volta ultimata la cottura, fare raffreddare la torta e guarnire con zucchero a velo.

Commenti (1)

  1. La mia spongata, il ripieno rimane a “macerare” per 20 giorni minimo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>