Panone di Natale

di Gabriele Amodeo Commenta

Il Panone è un dolce dall`aspetto invitante e goloso, reso ancora più interessante da una guarnitura..

Il nome piuttosto buffo, non smentisce la bontà  di questo delizioso dolce tipicamente natalizio, che appartiene alla tradizione culinaria di Bologna e della sua provincia. Il Panone di Natale è un dolce che è strettamente legato all`antica tradizione contadina del bolognese. Gli ingredienti principali utilizzati infatti, sono tutti prodotti che provengono dal territorio dell`Emilia-Romagna, come la deliziosa mostarda di mele cotogne, il miele ed i fichi.

Il Panone è un dolce dall`aspetto invitante e goloso, reso ancora più interessante da una guarnitura esterna fatta di cioccolato, frutta secca e canditi. Insomma il Panone di Bologna, non sfigurerà  di certo sulle tavole splendidamente addobbate in occasione delle festività  natalizie.

  • kg. 3,5 farina
  • kg. 1,5 zucchero
  • gr. 800 burro
  • 14 uova intere
  • lievito 7 bustine (da 25-30g)*
  • scorza di 4 limoni
  • gr .200 zucchero vanigliato
  • gr. 150 cacao amaro
  • gr. 150 cacao zuccherato
  • gr. 350 cioccolato fondente tagliato grossolanamente
  • gr. 400 mostarda di mele cotogne
  • liquore di mandorle amare
  • gr. 800 frutta candita mista a cubetti
  • gr. 700 cedro candito
  • gr. 600 ciliegie candite rosse e verdi
  • gr. 400 arancia candita
  • gr. 700 noci (peso prima di sgusciarle)
  • gr. 800 arachidi (peso prima di sgusciarle)
  • gr. 700 uvetta sultanina
  • gr. 800 mandorle spellate
  • gr. 700 fichi secchi sminuzzati
  • lt. 2 latte (più eventualmente quello che dovesse occorre re per impastare)
  • 1 bottiglia vino bianco
  • liquore di mandorla amara
  • miele

Versare la frutta candita mista, il cedro candito, le ciliegie candite, le arance candite, le noci, le arachidi, le mandorle, i fichi secchi e l`uvetta sultanina in un contenitore capiente, aggiungere il vino, ricoprire e lasciare insaporire per una notte intera. Il giorno successivo, sciogliere il burro a fuoco lento e fare raffreddare. Grattare la scorza dei limoni.

Scolare tutta la frutta candita e quella secca e mettere da parte gr. 350 di cedro candito, l`arancia candita, le ciliegie candite, gr. 200 di mandorle e gr. 150 di cioccolato fondente usato anche per preparare la mousse al cioccolato. Questi ingredienti serviranno per la guarnizione della torta. Tagliare a cubetti il cedro restante che verrà  aggiunto nell`amalgama assieme alle mandorle rimaste che avrete lasciato intere, alle noci e alle arachidi.
In un contenitore molto capiente porre tutti gli ingredienti, meno quelli che serviranno alla guarnizione, e aggiungere lt. 2 di latte a temperatura ambiente. Cominciare ad impastare energicamente. Qualora fosse necessario unire ancora del latte, fino ad ottenere un impasto consistente (ne troppo morbido ne troppo duro).

Versare l`impasto in stampi da forno in stagnola fino ad un`altezza di circa 2.5 cm. La pasta infatti cuocendo lieviterà  raddoppiando il suo volume. Sminuzzare grossolanamente i canditi di cedro e le arance messi da parte per la guarnizione esterna, e decorare i Panoni aggiungendo le mandorle, il cioccolato a pezzi, le ciliegie, precedentemente accantonati. Porre in forno preriscaldato a 180 ° per un`ora circa, controllare con uno stecchino che il centro non sia umido ed uscire dal forno.


Una volta che gli stampi avranno raggiunto la temperatura ambiente, cospargere poco liquore di mandorle amare sulla superficie del dolce. Infine, trascorsa almeno un`ora, sciogliere a fuoco molto basso 4 cucchiai di miele e 2 cucchiai di liquore di mandorla amara e cospargere il composto ottenuto sulla superficie dei Panoni, così da lucidarli. Questi dolci si mantengono anche un mese, se conservati in un luogo fresco e ben protetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>