Ricetta nocino

di admin Commenta

Il guscio delle noci naturali deve essere quasi nero, mentre al supermercato le noci sono quasi sempre pulite e lucide..

nocino

Fino a qualche anno fa le noci si potevano acquistare principalmente durante la stagione fredda, ma oggi, grazie alla grande distribuzione, siamo in grado di utilizzare delle ottime noci in tutto il periodo dell’anno.

La raccolta della noci parte verso fine giugno, ma alle volte è consigliabile mangiarle dopo un breve periodo di riposo. Per la preparazione del nocino, gustoso liquore tipico della zona Lago Maggiore, vi consiglio di utilizzare noci prive di prodotti chimici.

Il guscio delle noci naturali deve essere quasi nero, mentre al supermercato le noci sono quasi sempre pulite e lucide (quelle sono trattate con prodotti molto poco salutari).


Le noci appartengono alla famiglia della frutta secca e sono ricche di vitamine, proteine, grassi e antiossidanti. Vediamo insieme gli ingredienti per la preparazione del nocino. Come per la ricetta del limoncello, è necessario avere a disposizione un litro di alcool puro.

– 1 litro di alcool
– 400 cl di acqua
– 20 Noci circa
– Mezzo cucchiaino scarso di cannella
– Chiodi di garofano
– 1 scorza di limone naturale
– 6 etti di zucchero bianco

Iniziate a privare del guscio le noci ed inseritele in una bool di vetro, tagliatele in 4 pezzi, aggiungete i chiodi di garofano, la cannella ed infine l’alcool.

Lasciate macerare per 40 giorni in un luogo molto luminoso, va bene anche lasciarle al sole mescolando energicamente ogni giorno. Trascorso questo lasso di tempo fate scaldare una pentola di acqua con lo zucchero.

Appena lo zucchero sarà sciolto versate il tutto nel preparato di alcool e fate riposare per altri 10 giorni mescolando di continuo. Il vostro nocino è finalmente pronto per essere messo in bottiglia.

Approfondimenti:

Il nocino è un liquore molto diffuso in Europa, che viene preparato con Mallo di Noce e Alcool, molto apprezzato in Emilia-Romagna.
Le origini di questo prodotto sono ancora sconosciute, tuttavia alcuni testi antichi riportano che i Britanni avevano l’usanza di radunarsi nelle notti di mezza estate e bevessero da uno stesso calice uno scuro liquore di noce, mentre fonti francesi citano il liqueur de brou de noix.
Il frutto della noce ha mantenuto nel corso dei secoli un alone di mistero, infatti una leggenda popolare racconta che il nocino era preparato nella notte di San Giovanni dalla donna più esperta del paese e che dopo la raccolta le noci venivano messe a macerare un’intera notte nella rugiada e poi in infusione il giorno successivo.

Curiosità:

Un nocino perfetto deve essere denso, bruno brillante, limpido, con sentori e profumi di noce intensi e persistenti, infatti bisogna scegliere con attenzione le materie prime.
Gli esperti dicono che se vengono utilizzati frutti troppo acerbi, il liquore sarà tendente al verde, mentre se si usano noci troppo mature il sapore sarà particolarmente legnoso. Il miglior modo per servirlo è a una temperatura compresa tra 16-18° come digestivo, oppure per accompagnare parmigiano reggiano o con il gelato alla vaniglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>