Cocktail Mimosa

di Vito Verna Commenta

Secondo la ricetta originale, giunta integra sino ai giorni nostri, il cocktail Mimosa si preparerebbe mescolando, molto delicatamente, una parte di succo d'arancia, rigorosamente spremuto fresco, e una parte di champagne.

Siamo sicuri che moltissimi di voi, dopo aver pensato a quali raffinati, decisi, gustosi, delicati, saporiti o dolci piatti preparare per la Festa della Donna, sarebbero alla ricerca di un cocktail grazie al quale rendere la cena di stasera il più possibile completa, raffinata ed appetibile.

Ebbene la scelta, a nostro modo di vedere, non potrebbe che cadere sul cocktail tipico di questa festività ovverosia su un cocktail, molto particolare, che nel nome, nel colore, nel gusto e nel sapore racchiuderebbe l’essenza, frizzante e spumeggiante, della più importante ricorrenza annuale specificatamente dedicata a tutte le donne.

MENU PER LA FESTA DELLA DONNA

Ostriche mimosa

Risotto mimosa

Sogliola in agrodolce

Insalata di mais

Cupcakes mimosa

Stiamo parlando, naturalmente, del celeberrimo cocktail Mimosa, ideato nella prima metà degli anni venti del ‘900 presso l’Hotel Ritz (5 stelle) di Parigi da Mr McGarry, direttamente ispirato al Buck’s Fizz ideato pochi anni prima presso il Buck’s Club di Londra e ormai diffuso, in molte differenti varianti, a livello globale.

Secondo la ricetta originale, giunta integra sino ai giorni nostri, il cocktail Mimosa si preparerebbe mescolando, molto delicatamente, una parte di succo d’arancia, rigorosamente spremuto fresco, e una parte di champagne. 

A discrezione del barista, a seconda del proprio gusto e delle proprie disponibilità, il cocktail Mimosa potrebbe altresì venir preparato con un ottimo spumante o con l’aggiunta di un twist di arancia.

In ogni caso, è su questo il creatore del cocktail sarebbe stato a suo tempo intransigente, il Mimosa andrebbe rigorosamente servito senza ghiaccio ed in un flute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>