Cappellacci con marmellata di pesche e cacao

di Alba D'Alberto Commenta

Come di preparano i cappellacci con marmellata di pesche e cacao? La risposta è nella tradizione gastronomica italiana ed Emiliana in particolare. Dopo aver tratto dal sito dedicato al turismo due proposte a base di pesce, dedichiamoci adesso ai dolci tipici.

cappellacciSi sa che dopo il pesce in genere si propongono dei dessert a base di limone per rinfrescare la bocca e magari per dare inizio alle portate a base di carne. In questo caso, invece, dopo le triglie rivestite di prosciutto di Parma e dopo le cotolette di sarda, vi proponiamo di restare nel solco della tradizione emiliana con i cappellacci che non lasciano spazio agli agrumi ma esaltano l’abbinamento della frutta con il cioccolato. 

Erika Maraldi di Cesena ha proposto questa ricetta di difficoltà media, da abbinare alla degustazione di un Albana di Romagna e noi la riportiamo pedissequamente. 

Ingredienti

  • 500 g di farina,
  • 200 g di zucchero,
  • 100 g di burro,
  • 2 uova,
  • vino bianco,
  • sale;
  • per il ripieno: 1 vasetto di marmellata di pesche, 30 g di cacao, 30 g di uva sultanina.

Preparazione

Sulla spianatoia mescolate la farina con lo zucchero, fate la fontana e al centro mettetevi le uova, il burro ammorbidito, un pizzico di sale. Impastate aggiungendo vino bianco quanto basta. Tirate la sfoglia non troppo sottile e ricavate tanti quadrati abbastanza grandi, su cui disporrete la marmellata mescolata a cacao in polvere e uvetta sultanina, prima rinvenuta in acqua e ben strizzata. Ripiegate a triangolo, premendo con le dita i bordi per saldarli e data la forma del cappelletto. Una volta pronti, friggete i cappellacci in olio bollente, pochi alla volta. Metteteli ad asciugare su carta da cucina, poi spolverizzateli con zucchero a velo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>