Il Kefir è una bevanda di origini mediorientali, ottenuta dalla fermentazione del latte..

bevanda.JPG

Il Kefir è una bevanda di origini mediorientali, ottenuta dalla fermentazione del latte e ricca di proprietà  benefiche. Il nome di questa bibita deriva da una parola turca: “keyif” che significa, non a caso benessere. Questo prodotto ha origine nelle regioni del Caucaso e si lega soprattutto a una preparazione domestica.

Ma come mai una bevanda prodotta in casa e in territori così remoti ha richiamato su di sé l`interesse di tutto il mondo? Innanzitutto ciò si deve agli studi di un famoso scienziato: Mechnikov. Questo studioso aveva osservato che l`invecchiamento è causato da un avvelenamento del nostro organismo attraverso alcuni batteri che costituiscono parte della nostra flora intestinale.


Mechnikov notò che alcuni popoli del Caucaso godevano di uno stato di salute e benessere superiore alla media e giunse alla conclusione che ciò era dovuto al loro continuo uso di latti fermentati e in particolar modo del kefir. Secondo questo studioso il latte fermentato contiene delle proprietà  in grado di contrastare lo sviluppo di batteri nocivi nel nostro intestino. Il kefir è cremoso, è leggermente effervescente, ha un sapore acidulo e anche una piccolissima percentuale di alcool.

Questa bevanda può essere preparata con latte di capra (considerato il latte più simile a quello materno detto anche neolatte), pecora o mucca ed è in grado di garantire molti benefici per l`organismo. Il kefir nasce da una procedura di fermentazione particolare che utilizza i “granuli di kefir”. Questi granuli sono formati dall`unione di batteri lattici e lieviti. Pare siano proprio i lieviti a donare al kefir tutte le sue virtù benefiche, ma non solo; il kefir contiene fermenti probiotici attivi, proteine, sali minerali, fosforo e vitamine.

Questa bevanda si rivela adatta per chi desidera regolarizzare l`attività  intestinale, per chi desidera aumentare le proprie difese immunitarie o per chi desidera integrare la dieta con un alimento leggero e digeribile. Non solo, il kefir si rivela adatto a curare le malattie intestinali dei bambini e a migliorare la digestione e a rafforzare la flora intestinale degli anziani. Infine pare che questo prodotto sia anche un alimento di supporto per difendersi da allergie, aterosclerosi e salmonella; oltre ad essere considerato un discreto anticancerogeno.

Nel kefir si trova un`associazione complessa di batteri, tra cui lattococchi, lattobacilli, enterococchi e lieviti. La leggenda vuole che sia stato lo stesso Maometto a donare i primi grani di kefir ai popoli di pastori mediorientali spiegando loro come utilizzarli ma non come produrli, poiché era un segreto divino. Questa bevanda può essere preparata anche in casa, acquistando i grani e usando del latte ( fresco, pastorizzato, scremato o a lunga conservazione).


In un recipiente si lasciano i granuli in ammollo nel latte per un giorno o due e poi si filtra il liquido ottenuto per separarlo dalla parte solida. Il kefir può essere conservato in frigorifero per una settimana o più e i granuli possono essere riutilizzati, ma bisogna stare attenti perchè ogni volta che si adoperano crescono di volume e quindi una parte va poi eliminata.

Esiste anche il kefir d`acqua che è una bevanda a base di grani di kefir, acqua e zucchero. Questa bibita è frizzante, leggermente alcolica e molto dissetante.

Chiara Cimini

Commenti (2)

  1. Per approfondimenti suggerisco una visita a:

    http://kefir.ilbello.com

    che ha anche un forum con numerosi utenti che regalano i grani del kefir:

    http://incuso.altervista.org/sapone/viewforum.php?f=10

  2. Ciao
    Io sono Massimo di Torino.
    Chi desidera grani di kefir di latte in regalo (dal quale si può ricavare quello d’acqua), basta contattarmi scrivendo a [email protected]
    Chiedo solo 5€ nel caso di spedizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>