Cevapcici, tipicamente balcanico. Ecco come portarlo in tavola

di Alba D'Alberto Commenta

Abbiamo già visto una ricetta tipica balcanica molto interessante e a base di peperoni e melanzane. Insistiamo su questa porzione di mondo per scoprire un’altra ricetta tipica, i cevapcici. Ecco la descrizione, gli ingredienti e la preparazione forniti dal ricettario dell’EXPO. 

Se siete ansiosi di sapere come si prepara il cevapcici, prendetevi un po’ di tempo per calmarvi leggendo la ricetta del caviale di peperoni. Ed ecco invece il Cevapcici che poi è di origine turca ed è stato portato nei Balcani ai tempi dell’occupazione ottomana della Serbia. Ci ha pensato quindi l’Impero Austro-Ungarico a diffonderlo più a Nord. Ancora oggi è molto in voga a Trieste dove queste polpettine le chiamano familiarmente Civa o Ciba. Sono di solito cotti sulla griglia o meglio ancora sulla brace, e serviti con cipolla cruda tritata, pane tostato e l’immancabile ajvar, una salsa a base di peperoni, o con rafano e senape.

file_5537bfe98e872

Ingredienti

  • 200 grammi di Polpa di manzo, macinata
  • 200 grammi di Carne macinata di maiale
  • Cipolle, di media grandezza
  • Spicchio di aglio
  • cucchiaio da tavola di Paprica, dolce
  • 1/2 cucchiaio da tavola di Cumino, in polvere
  • pizzico di Sale
  • pizzico di Pepe nero

 

Preparazione

  1. Trito finissima la cipolla e la raccolgo in una terrina con le due carni, un cucchiaio colmo di paprica, lo spicchio d’aglio grattugiato, mezzo cucchiaino di cumino, sale e pepe. Impasto molto bene con le mani per una decina di minuti per avere un composto omogeneo e ben lavorato.
  2. Prendo un pezzo di impasto e, rotolandolo fra le mani leggermente unte d’olio, formo prima una palletta e poi una polpettina cilindrica lunga 7-8 cm e spessa circa un cm. Via via che i cevapcici sono pronti, li allineo in un vassoio e alla fine li copro con la pellicola e li faccio riposare per un’oretta in frigorifero.
  3. La cottura ideale dei cevapcici è quella alla brace, ma vengono bene anche sulla griglia di ghisa. La faccio scaldare molto bene sul fornello prima di adagiare i cevapcici e non li tocco più fino a quando si forma una crosticina scura, e allora sarà facile girarli senza che rimangano attaccati alla griglia. A questo punto, li giro delicatamente e li servo subito caldissimi, accompagnandoli con anelli di cipolla rossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>