Vino toscano traina agricoltura regionale

di Lucia Guglielmi Commenta

Proprio nell’agricoltura si possono aprire sbocchi occupazionali che al momento tanti altri settori dell’economia non possono garantire a causa dei ciclo congiunturale avverso.

In Italia il settore vitivinicolo va sostenuto con politiche adeguate. Ad esempio in Toscana il 38% delle aziende agricole opera proprio nel settore vitivinicolo per un totale di 27 mila aziende “estese” su 62 mila ettari.

A metterlo in evidenza è stata la Cia, Confederazione Italiana Agricoltori, nel ricordare altresì come su un totale di 2,5 milioni di ettolitri di vino toscano annuo ben 1,6 milioni di ettolitri, ovverosia oltre il 70% del totale, siano a denominazione. In merito al sostegno del settore nella Regione, la Cia Toscana ritiene fondamentale che le superfici coltivate a vite siano oggetto di un rinnovamento e di una ristrutturazione tale da superare la criticità legata proprio all’età produttiva.



AGNELLO CON PISELLI

Insomma ci vogliono investimenti ma anche politiche tali da incentivare sia le azioni di filiera, sia le aggregazioni di prodotto. Il tutto a fronte della necessaria valorizzazione delle denominazioni ed alla tutela di un comparto come quello vitivinicolo, e in generale quello agricolo, che ha una funzione anticiclica importante in una fase come quella attuale di crisi.

GLI INGREDIENTI DI UN PASTO PERFETTO

Con la conseguenza che proprio nell’agricoltura si possono aprire sbocchi occupazionali che al momento tanti altri settori dell’economia non possono garantire a causa dei ciclo congiunturale avverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>