Enoteca regionale lucana prende forma

di Lucia Guglielmi Commenta

In accordo con quanto riportato dal sito Internet della Regione Basilicata, l’approvazione della proposta dell’Assessore rappresenta un passo chiave verso la realizzazione dell’enoteca.

Una enoteca regionale, quella della Regione Basilicata, basata su un modello associativo per quel che riguarda la gestione. Questo dopo che in Basilicata, attraverso una delibera da parte della Giunta regionale, è stata approvata la proposta formulata da Rosa Mastrosimone, l’Assessore lucano all’agricoltura.

In accordo con quanto riportato dal sito Internet della Regione Basilicata, l’approvazione della proposta dell’Assessore Rosa Mastrosimone rappresenta un passo chiave verso la realizzazione dell’enoteca regionale in attuazione, in particolare, ad un articolo della Legge regionale del luglio del 2008 che l’ha istituita ufficialmente.




GLI INGREDIENTI DI UN PASTO PERFETTO

Sarà proprio la Regione Basilicata il socio fondatore dell’Enoteca regionale Lucana, un’Associazione che sarà sotto il controllo, il coordinamento e l’azione di indirizzo da parte del Dipartimento Agricoltura. L’organo esecutivo sarà composto dal Presidente e da altri quattro membri a fronte dell’erogazione per loro di nessun compenso.

AGNELLO CON PISELLI

Come da statuto l’Enoteca regionale avrà la sua sede a Venosa, in Provincia di Potenza, e rappresenterà il punto di riferimento al quale potranno aderire le istituzioni private e pubbliche interessate al comparto vitivinicolo, i Consorzi di tutela e chiaramente i produttori lucani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>